14° Festival di Musica Popolare


Forlimpopoli da giovedì 21 a domenica 24 agosto diventa laboratorio musicale a cielo aperto con il Festival di musica popolare.

La rassegna ha il titolo poetico de “Le radici e le foglie”, con sottotitolo “geografico”: Da Bagdad a Tobo, musica etnica tra origini e nuovi percorsi.

Sarà un viaggio nel tempo e nello spazio…

Le radici e le foglie, suggerisce la metafora di una musica trasmessa da persona a persona, recuperata dalle lontane radici della tradizione fino ad esplodere in nuovi ibridi grazie alla creatività delle “fresche foglie giovani”, che si avvicinano al folk utilizzando strumenti più moderni come dischi, video, internet arricchendo tutto con il proprio gusto personale.

Una musica del XXI secolo, che si scosta dalla world music propriamente intesa, per generare l’odierna musica popolare, quella da tramandare alle generazioni future e che si fa manifestazione dei tempi che cambiano e delle sue evoluzioni culturali e musicali.

Da Bagdad a Tobo, è invece il percorso geografico che il repertorio musicale intraprenderà. Un viaggio che si dipana fra Irak, Turchia, Grecia, Calabria, Spagna, Piemonte, Germania e Svizzera, ma soprattutto un viaggio lungo 40 anni, quelli che separano il più giovane musicista che si esibirà al festival dal più anziano.

Due epoche a confronto per arricchirsi vicendevolmente, e mostrare però anche tutta la differenza e la meravigliosa varietà del “sentire musicale” di oggi e di ieri, in un mondo che è radicalmente cambiato.

PROGRAMMA:

  • Giovedì 21 agosto

La Banda, (BIKUR HA-TIZMORET) film di Eran Kolirin (Israele/Francia 2007) – Arena Cinema Verdi, ore 21.
Aspettando il Festival verrà proiettato il film premiato a Cannes lo scorso 2007. E’ una piccola perla che senza clamore affronta con delicatezza i moti d’animo dei personaggi allontanandosi dalla violenza e da ogni differenza di razza, etnia o cultura.

  • Venerdì 22 agosto

Cornamuse, Bombarde e Percussioni, con i liutai Walter Rizzo e Roberto Romagnoli – Sala Mostre Rocca di Forlimpopoli, ore 17.
Apertura della mostra gratuita di liuteria e strumenti tradizionali provenienti da tutto il mondo.

Nistanimèra, Calabria – Palco Centrale, ore 21.
Nistanimèra significa Notte e Giorno, ovvero lo scorrere del tempo senza interruzioni; e si rifà alla plurisecolare dominazione greca in Calabria e Puglia, in cui risiedono ancora oggi comunità profondamente segnate dalle inflessioni straniere ereditate dai propri avi. Un tentativo di recupero di una diversità che rischia di scivolare nell’oblio.

Triskilian, Germania – Palco Centrale, ore 22:30.
Servendosi del repertorio di tutto il mondo e di tutti i tempi creano la loro mistura di brani da ballo e di canzoni di composizione propria, riuscendo ad amalgamare pezzi tradizionali dai Balcani, canti judeo-sefarditi, balli svedesi e ritmi arabi, creando una musica inedita.

  • Sabato 23 Agosto

Pranzo e Festa con i MusicistiAgriturismo “La Quercia” Bertinoro, ore 13.
E’ richiesta prenotazione entro il 20 agosto.
Info. 3495042215

Magadunia Divan Orkestra, l’orchestra balcanica SMP – Palco Centrale, ore 21.
Un modo per scoprire l’est, terra non solo di guerre e povertà, ma di ricche tradizioni musicali e canore, grazie al grande interprete Peter Rabanser.

Musica Officinalis, Emilia Romagna/ Veneto/ Puglia/ Campania – Palco Centrale, ore 22.
Musica Officinalis, da sempre legato alla Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, festeggia i suoi primi 10 anni di attività con il meglio della sua produzione.

  • Domenica 24 Agosto

Laboratorio Musicale per BambiniTorrioni della Rocca, Museo Archeologico, Sale del Centro Culturale Polivalente, dalle ore 10 alle 19.

Drumming Circle, Roberto Romagnoli – Sala Centro Arti, ore 10.
Due ore di pedagogia musicale rivolta ai bambini dai 3 ai 6 anni, per risvegliare nei più piccoli le potenzialità sonore. Attraverso strumenti da tutto il mondo, i bambini potranno affrontare in maniera inedita la realtà multietnica contemporanea.

Ritmo e Musica per Bambini e Genitori, Igor Niego – Palestra Centro Danza, ore 10.
Due ore di approccio alla musica, basato sull’espressività corporea multisensoriale, rivolto ai bambini dai 7 ai 10 anni e ai genitori. Un occasione per gli adulti di vivere un momento di creatività e gioco con i propri figli, assieme alla scoperta di quanto i linguaggi espressivi siano fondamentali per lo sviluppo dei giovani.

La Natura della voce, Catia Gianessi – Ore 12.
Incontro di due ore riservato agli adulti che vogliono scoprire le proprie potenzialità canore, e dare libero sfogo alle inibizioni.
Info e costi 3495042215

Abnoba, Piemonte/ Val d’Aosta – Palco Centrale, ore 21.
E’ nato il nuovo folk italiano! Sono sei ragazzi i degni eredi dei cantori del folk tradizionale. Grande performance per questi giovani talentuosi che con tecnica e preparazione incarnano al meglio il folk italiano nella sua nuova dimensione contemporanea.

Tienno Orchestra, The Italian-European NyckelHarpa Network Orchestra, Italia/ Francia/ Belgio/ Germania, – Chiesa di San Pietro, ore 23.
Per lungo tempo ha peregrinato per tutta Europa, ma dal medioevo è diventato strumento principe in Svezia: è la NyckelHarpa, affascinante strumento “venuto dal passato”. Un progetto questo che coinvolge musicisti provenienti da tutta Italia e da mezza Europa, per uno spettacolo unico.

– Durante tutto il Festival sarà inoltre possibile visitare l’esposizione fotografica: “La Scuola e il Festival di Musica Popolare di Forlimpopoli: vent’anni di Internazionalismo”, a cura di Marco Tadolini.

C'è 1 comment

Add yours