Tradizioni natalizie: gli Alberi di Natale


decorazioni nataleIl Natale deve la sua origine al cristianesimo: la ricorrenza si sviluppa in onore della nascita del Bambino Gesù nella mangiatoia di Nazaret. Tuttavia, la data scelta per ricordare l’evento, il 25 dicembre, era la data appartenente all’antica festività pagana in cui i Romani celebravano il solstizio d’inverno.
Quando i primi cristiano dovettero scegliere una data per ricordare la Natività, scelsero quello che era già conosciuto come un giorno di gran festa, anche per tentare di sostituire la festa pagana.

Del resto non è strano che nel Natale confluiscano tradizioni e riti provenienti sia dal cristianesimo che dal paganesimo.
Il Natale è una festa molto antica e pertanto molto complessa, ricca di simboli e tradizioni estrapolati dalla cultura popolare, non solo derivanti dalla simbologia cattolica.
Pensiamo ad esempio all’albero di Natale, o alla figura di Babbo Natale, due dei più celebri protagonisti della festa, che poco hanno a vedere con la nascita del Bambino.

Proprio in questi giorni, passeggiando nel centro storico di Rimini, ho notato che nelle due piazze principali, Piazza Cavour e Piazza Tre Martiri, svettano alti due enormi alberi natalizi decorati con luci color oro e color argento.

Una bimba che passava sotto l’albero di Piazza Cavour chiedeva alla mamma: “ma quando è stato fatto il primo albero di Natale?”

albero nataleDomanda che una volta o l’altra, ci siamo posti tutti noi: Da dove nasce la legenda dell’albero di Natale?

Svolgendo qualche ricerca mi sono resa conto di come sia difficile ricostruire con esattezza il momento della comparsa dei primi alberi di natale: tracce di primi abeti addobbati risalgono addirittura al 1600, ma solo nella prima metà apparvero i primi addobbi con candele. Inoltre, l’abete è da sempre un albero apprezzato dagli antichi popoli, come i Celti, per la sua capacità di restar verde anche in inverno.

La tradizione di decorarlo durante le feste natalizie, nasce e si sviluppa in Germania nel XVI secolo. In seguito si espande nelle’europa settentrionale e nel Nord America.
Per arrivare in Italia ci vorrà la fine del 1800, quando la regina Margherita decise di farne allestire uno per la famiglia reale, prendendo spunto dalla moda in voga tra le corti e le nobili famiglie europee. La novità riscosse successo e si diffuse nel Paese.
I primi abeti erano molto piccoli, addirittura nelle famiglie di rango elevato ognuno aveva il suo abete dove depositare i doni.
L’uso delle candele, simbolo della luce Natalizia, era molto diffuso, anche se decisamente rischioso. Venivano accese la vigilia della festa e non era raro che si dovesse provvedere con acqua e stracci umidi per controllare alcune fiamme ribelli.
Gli addobbi con nastri e ghirlande erano molto comuni, almeno fino al 1800, quando comparvero le prime palline di vetro soffiato.

Oggi giorno, le decorazioni dell’albero di Natale sono estremamente fantasiose: oltre alle classiche palline, c’è chi ama arricchirlo con luci, fiocchi, fili dorati, pupazzetti, statuine di terracotta, campanelline. Addirittura alcune aziende produttrici di biscotti propongono confezioni dedicate all’addobbo dell’albero, producendo biscotti da appendere ai rami. C’è chi ama decorarlo con tutti i colori possibili, chi sceglie il rosso e l’oro, chi il blu e l’argento. Chi in alto depone una stella cometa, chi una decorazione a punta. Insomma, la fantasia non ha limite, resta però il tradizionale uso di deporre ai piedi dell’albero di doni di Natale.

Oggi giorno, per evitare il consumo e il tagli selvaggio degli abeti, sono sempre più utilizzati gli alberi artificiali, che forse saranno meno belli, ma almeno non privano le nostre foreste di preziosi alberi veri. Inoltre l’albero artificiale si può conservare per gli anni seguenti, limitando la spesa.

Tradizione vuole che l’albero di Natale venga inaugurato giorno 24, per restare acceso fino al 6 gennaio, ma è sempre più frequente osservare i primi alberi già dal mese di novembre, nei negozi o per le strade, invece nelle case italiane è tradizione prepararli per l’8 dicembre, festa dell’Immacolata.

E voi? come amate decorare il vostro albero di Natale? Lo avete già preparato?

Se non sapere dove trovarne uno, a Rimini dal 11 al 24 dicembre, c’è la Fiera degli alberi di Natale, presso il Piazzale Tiberio, aperta per tutta la giornata.

C'è 1 comment

Add yours